< LIBRI > < ARTICOLI > < CATALOGHI >   < MUSICA > < INTERVISTE >


Articolo:
Il Poliritratto e il segno, in Il nuovo Laboratorio, a. V, n. 1-2-3, Aprile/Giugno, 1986, p. 10, testo di Wainer Ligabue e fotografie di Enzo Terzano.


Il Volto denota l’Esser-ci
di cui esso stesso è segno
La Maschera nasconde il Volto
e il Volto manifesta i Sensi
L’’Io’ e il ‘Tu’ si fondono
nelle pieghe del Volto
L’Accidente diventa
Necessità Storica
e il Passato erompe
nell’istantaneo Presente.

1. Foto reale


L’Esser-ci significa il Volto
segno dei sensi del –ci
Il Volto palesa la Maschera
I Sensi fanno deviare dal Volto
Tra le pieghe, l’’Io’ e il ‘Tu’
s’intrecciano nel Labirinto
La Memoria uccide
l’im-pre-visto Caso
Nell’’Adesso’ si concentra il ‘Prima’.

2. Foto speculare


Il ‘Fu’ si dipana dall’’Ora’
Il Caso vivifica l’assassinata Salute
Al centro lo Specchio vanifica il –si
Il Volto indica i sensi
La Maschera copre il Volto
Il –ci, significante dei sensi,
segno dell’Esser-ci.

3. Destra-destra (Unione del lato destrodel volto con il lato destro ndc.)


L’atto coglie la fuga del trascorrere
e l’Idea costringe il Mutamento
Il Volto fa contrastare il –ci e il –si
Il non-senso nasconde il Volto
se io Volto non getta la Maschera
La Parola annulla tutti i Sensi
che il Volto parla dell’Esser-ci.

4. Sinistra-sinistra (Unione del lato sinistro)


 Poliritratto Stefanelli di Enzo Terzano, multiplo fotografico su pannelli, b./n., cm. 70x70, max apertura cm. 140x70, Bologna Collezione Privata.

Enzo Terzano