< LIBRI > < ARTICOLI > < CATALOGHI >   < MUSICA > < INTERVISTE >


Articolo:
E. Terzano, "Erio Masina. Amore di tabacco" in Il nuovo laboratorio, Bologna, a. VI, marzo 1987.


Erio Masina. Amore di tabacco


Prima nazionale al Teatro Duse di Bologna di un testo di Jean Cocteau "Le Bel Indifferent" diretto e interpretato da Erio Masina. La breve pièce, scritta da Cocteau <<in una notte del 1940>> per Edith Piaf, è stata con un espediente registico specchiata fra due interpretazioni. Nel primo atto il testo 'fedele': una donna parla di una forma di amore fatta di attese, ansie, aspettative, frustate, dedizioni non corrisposte, gelosie, sete di passione... ad un uomo indifferente che non ascolta, che non ama quella forma d'amore. Il testo si scioglie in un lungo monologo della 'protagonista', negli stessi passi "fra porta e finestra, finestra e letto, letto e porta", in una stanza d'albergo, in una notte qualsiasi, dopo che lei ha cantato in un teatro fra rumori di bicchieri e gente che chiacchierava, dopo che lui aveva visitato una sua amante tra equivoci locali notturni. Il tono di lei è recriminatorio, accusatorio, le sue parole appaiono deboli e ineffettuali.
Nel secondo atto il medesimo testo ma il tono è cambiato, gli oggetti (una rivoltella, delle forbici...), i movimenti ribaltano il senso. Le parole diventano fatto compiuto, violenza in atto, si fanno carne e feriscono. Non sono più insicure, come quando si sospendevano a tratti in vana attesa di una risposta del partner, arrivano ora nel segno, legano, costringono, affannano e non si può essere indifferenti a questo gioco che coinvolge tutto l'essere, l'alto e il basso, il leggero e il pesante, la mente e il corpo. Erio Masina ancora una volta si esprime in un lungo monologo, una forma che lo sta caratterizzando in maniera esplicita; lo spettacolo ha al suo interno tutti gli elementi del teatro "en travesti" rispettati rigorosamente. Bisbigli al teatro ad un "sono geloso" della protagonista.

Enzo Terzano

SCHEDA TECNICA
REGIA E SCELTE MUSICALI: Erio Masina
INTERPRETI: Erio Masina e Renzo Dotti
SCENE E COSTUMI: Roberto Vernocchi
ASSISTENZA ALLA REGIA: Eva Robins
FOTO DI SCENA: Angela Cutò