< LIBRI > < ARTICOLI > < CATALOGHI >   < MUSICA > < INTERVISTE >


Articolo:
E. N. Terzano, "Intervista a Frigidaire" in Panda's Over, Torino, n. 6, marzo, 1985.


Intervista a Frigidaire


D. Il segreto del successo di frigidaire…
R. Rispetto a quelle che sono le nostre aspirazioni non ha avuto ancora successo. Siamo un'area molto estesa di persone che vogliono mutare il modo di guardare la vita. Quest'area non ha avuto ancora successo nel senso che lo avrà quando sarà un'area che effettivamente invade la società, mentre in questo momento non la invade ancora.
D. E' molto marcato, negli ultimi tempi, il vostro interesse per i movimenti di liberazione del terzo mondo in particolare…
R. Penso che viviamo una dimensione del mondo abbastanza omogenea, nelle situazioni più diverse si incontrano delle similitudini. Ci sono, quindi, delle relazioni fra quello che avviene nei posti più periferici del mondo e quello che avviene nelle cosiddette capitali. E' perfino difficile, però, decidere in questa grande capitale che è diventato il pianeta, qual è il quartiere principale. Noi raccontiamo la vita dei quartieri di questa grande città. Non è un recupero di tematiche di altri paesi per il gusto di essere esotici o terzomondisti, è semplicemente una messa in parallelo con ciò che accade da noi.
D. Come si inserisce in questo quadro l'operazione Afghanistan…
R. L'operazione Afghanistan esprime una tensione sempre latente, non solo sempre ad interpretare, ma anche a cercare di cambiare i mondo. E' il punto in cui l'osservazione e il racconto cercano di essere elementi di cambiamento o perlomeno di rottura della realtà esistente. Che poi avvenga in Afghanistan oppure nella Bretagna o nell'Africa Meridionale dal punto di vista della sua sostanza stilistica è un'operazione analoga. Lo abbiamo fatto in Afghanistan perché lì sta succedendo effettivamente una delle tragedie del mondo contemporaneo, cioè l'eliminazione di un'etnia.
D. Come conciliare allora questo lavoro, a questo punto politico, di un certo rilievo e forse anche di una certa incisività, con operazioni come il "Bar dei Fiori" bolognese?…
R. Definirlo politico, questo lavoro, è un modo molto interessante di interpretare la parola "politica". La nostra vita è attraversata nello stesso tempo dal problema della distruzione del mondo e dal problema di essere stati lasciati dalla propria donna. Questi due problemi si pongono su una stessa sequenza. Riuscire a vedere queste cose nella loro continuità, senza delle soluzioni in un certo senso di potere, è il modo per evitare di essere establishment, di non avere establishment nel racconto…
D. Molte donne vi vedono maschilisti…
R. Frigidaire è fatto in buona parte da uomini, ma non solo da uomini. Diciamo che esprime un punto di vista che non è quello del femminismo degli anni scorsi, semmai tende ad un punto di vista maschile-femminile, dove c'è un disincanto rispetto alle tematiche della liberazione della donna.
D. Avete contribuito a portare il fumetto made in Italy ad un certo livello anche in sede internazionale. Quali in particolare i meriti di Frigidaire?
R. Frigidaire è servito ad un riordino mentale, una specie di consapevolezza del fumetto italiano e della sua rilevanza internazionale. Volendo entrare nel merito della storia del fumetto direi che c'è stato un rapido invecchiamento delle forme di fumetto fantastico di evasione perché superate da altre forme stilistiche. Il fumetto scopre oggi la sua forma propria che è una forma di invenzione artistica in parallelo con la storia dell'arte e della letteratura. Una forma che indipendente dal cinema, dalla televisione, dal racconto, scopre la sua autonomia. Questa autonomia c'è sempre stata, ma, come surrogato e come preparazione ad una consapevolezza che c'è solo oggi. Frigidaire ha offerto ed offre la grande novità dell'arte del fumetto.
D. Si dice che avete costruito una gabbia intorno ad Andrea Pazienza.
R. Non c'è una gabbia intorno ad Andrea Pazienza. Andrea è un artista molto libero, con le sue idee. Penso che ciascuno di noi abbia dei periodi molto diversi nella propria vita. Voler azzerare queste diversità nei momenti in cui ci riuniamo in Frigidaire è veramente assurdo.
D. Quali prospettive per la testata?
R. Mi auguro che faremo tanti colpi di mano, fino ad avere un colpo in testa.
Abbiamo grandi progetti: vorremmo fare un settimanale, fare meglio il mensile, ma tutto ciò è legato anche alle fasi esterne. Un giornale non può vivere indipendentemente da ciò che succede nel mondo. Se nel mondo ci sarà una accelerazione reale dei processi che vanno in una direzione di cambiamento, Frigidaire ovviamente sarà più presente. Se il mondo va invece verso l'ordine, la stabilità, la disciplina…
D. Dello stato postindustriale…
R. Appunto disciplinatissimo, forse, noi avremo poco spazio.

Enzo Terzano