< LIBRI > < ARTICOLI > < CATALOGHI >   < MUSICA > < INTERVISTE >


Articolo:
E. N. Terzano, "Art Actuel: Overgrounder Painting" in Panda's Over, Torino, n. 6, marzo, 1985.


Art Actuel: Overgrounder Painting


L'underground ha esaurito la sua funzione di un'iniziale presa di contatto con la tecnologia elettronica. Le sue cave, dal ventre necessariamente tecnologico, hanno espresso il furore primitivo di una società che innesta, al suo interno, una nuova forma di comunicazione, che soppianta parzialmente un'altra, precedente e obsoleta, in questo caso quella orale ed elettromeccanica. Negli spazi caliginosi degli undergrounder (amanti del sotterraneo) si è vissuto di luci e suoni artificiali. In essa la dipendenza dal media tecnologico è fortissima: la sua presenza t'inchioda e appare insostituibile; la sua assenza non ti permette di vivere perché è con essi che si opera la percezione dell'ambiente sotterraneo privo della luce della superficie. Nelle catacombe dell'era telematica si è perennemente intorpiditi dalla congestione d'immagini e suoni tecnologici. E' il luogo dove si riproducono vertiginosamente le tensioni della dipendenza dai circuiti elettrici che cozzano con i nostri circuiti biologici. In esse non può prodursi un equilibrio fra i due circuiti perché se ne sperimentano solo gli effetti psicologici. Infatti nell'immersione forzata in un ambiente, che limita drasticamente i bisogni di espansione del corpo, e dove si vive un'eccessiva dipendenza da un circuito "nervoso" esterno a noi, si evolvono bisogni sempre più pressanti di emersione che se non soddisfatti procurano insane pulsioni autodistruttive. E' difficile, e con ciò ci è dimostrato, entrare in competizione con un circuito che non conosce lo stress, fenomeno tipico dei circuiti biologici. Non posso e non riesco ad adeguare un esterno elettronico al mio interno biologico e cerco disperatamente di trovarvi soluzione: lacerandomi.
L'Overgrouder (amante della superficie) scioglie la dipendenza tecnologica e riscopre la fascinazione dell'emersione e della conquista del territorio, cioè, di spazi moderatamente artificiali. Dai tetti, negli spazi più vicini alla luce solare, posso guardare ed essere visto utilizzando, in larga misura, le mie capacità fisiologiche di percezione, che, non conoscono dipendenze e non producono stress. La visione dal tetto è la visione libera da condizionamenti tecnologici totalizzanti. Torno ad usare con completezza i miei sensi rifiutando la primitiva tecnologia visiva e sonora che mi circonda. In espansione vado a realizzare l'invasione tattile dello spazio. L'Overgrounder è un Trialista primitivo, porta all'estremo, sovraccaricandola, l'immagine bidimensionale, per annunciare l'arte delle tre dimensioni mobili, senza supporto, vale a dire di opere che si collocano da sole nello spazio e vi operano percorsi autonomi. L'Overground è il primo stadio estetico, psicosociale e politico del Trialismo. L'Overs colorerà eccessivamente (Overcoloring), sovradipingerà (Overpainting), sovraprodurrà in ogni campo (Overproductiving), amerà e si appassionerà in sovramisura (Overfond), brucerà e dilaterà il pensiero e le azioni (Overburn e Overswarm), infine, opererà continue invasioni territoriali, estetiche, ideologiche, psicologiche ecc. (Overrunner). I tetti "sono un ultimo spazio di libertà", sono il momento della trasgressione e dell'espansione illimitata dell'incoscienza.
L'Overs è il nuovo outsider dell'era telematica.
Nella prima mostra di overgrounder tenuta a Bologna nella galleria Numero Zero hanno esposto Angeletti, Gianuizzi e Pizzirani delle opere e, lo scrivente, del pensiero. Mentre Fabrizio Bizzarri ha realizzato un video propaganda.
Lucio Angeletti. Il concetto di overcolouring contiene quello di dilatazione e di espansione incontrollata dal colore e del gesto che lo produce. I colori delicatissimi delle ecoline s'investono, invadendo reciprocamente gli spazi appena conquistati. Si missano facendo nascere sulla tela i colori del loro incontro casuale. O s'urtano stabilendosi in spazi ad incastro, mantenendo il loro tono base e rifiutando le commistioni. Isole e arcipelaghi di colore s'impiantano su figure che fanno ad un tempo da sfondo e da superficie.
Le figure, dai tratti a volte primitivi, riprendono i miti della fiction sportiva e cinematografica americana o vengono dal repertorio dei telefilm "noir". Il "tipo" che la visione sullo schermo ci ha abituati a percepire in due dimensioni, viene qui riprodotto sulla superficie piatta della tela con linee essenziali da fumetto, ma, invaso e snaturato da un'insana colorazione ammazzamito.
Gino Gianuizzi. Il replicante scoppia investendo lo spazio che lo circonda con i frammenti del suo corpo tecnettronico. Non c'è spazio per una tecnologia "umanizzata"che sposa quel fantasma che è il doppio, abile a sostituirci nella veglia delle mansioni pericolose. L'automa viene fatto deflagrare, gli oggetti rassicuranti della tecnologia vengono distrutti e i loro congegni dispersi nello spazio. L'overpainting è il gesto pittorico ripetuto ossessivamente; sono linee che si sovrappongono segnalando con ostinazione lo stesso accadere. L'insicurezza della traiettoria ma anche una grande voglia di modificarla, di segnalarla evidenziandola, sovraccaricandola di emozione. L'overpainting include un overpicturing che significa dipingere tele eccessivamente, farne centinaia in poche ore, vanificare gli sforzi dei falsari, essere i falsari di sé stessi, ridurre il costo delle tele con una sovrapproduzione.
Umberto Pizzirani. L'overproductiving, lo sport della sovrapproduzione, prevede la massima fascinazione estetica solo con la presenza quantificata in enne ambienti domestici, di uno stesso prodotto tecnologico con la stessa funzione, ma con forme che contemplano varianti irripetibili. Le radio galattiche di Umberto che mettono a nudo i propri meccanismi elettronici attraverso pareti di plexiglass sono oggetti unici, astronavi che conducono segnali terrestri. Il concetto di design di qualità e di serie viene negato, l'oggetto non veste mai la stessa forma.

Enzo Terzano