< LIBRI > < ARTICOLI > < CATALOGHI >   < MUSICA > < INTERVISTE >


Articolo:
E. Terzano, "Indisk di Slawomir Mrozek" in Panda's Over, Torino, n. 7, luglio, 1985.

Indisk di Slawomir Mrozek


Messo in scena, al teatro Dehon di Bologna dalla compagnia la Senty Menti, "Indisk" (Il Tacchino) di Slawomir Mrozek. Prima tappa di un tour che si annuncia faticoso in linea con il destino delle compagnie di recente formazione che vendono con difficoltà dei prodotti spesso intelligenti e che meritano senz'altro un pubblico.

"Indisk" scritto all'indomani del rovesciamento del regime staliniano in Polonia, esplora sotto la veste consunta della farsa, un passato, allora recentissimo, dove fra apatie e decadenze si assisteva "allo sfacelo di un mondo culturale" tutto votato a sfiorare appena, con argomenti e temi artificiosamente distaccati dalla realtà, i problemi di una società "insicura" nelle scelte e messa di fronte ad un presente tutto da costruire su nuove basi ideologiche ed economiche. In tutto ciò vi ha parte la limitazione istituzionale della cultura che alimenta quel marasma e quella mancanza di idee, quell'inerzia dell'esistenza, tipiche delle democrazie popolari, ma anche, si può obiettare, delle democrazie economiche, le nostre, dove le limitazioni culturali sono di ordine diverso, economico appunto, con funzionalizzazioni della cultura che, come lì, assumono la veste di limitazioni alla creazione artistica.
Un testo, quello di Mrozek, che si apparenta al teatro dell'assurdo e che dissimula, i vuoti e le inconcludenze di un apparato culturale governativo, in metafore grottesche nei dialoghi-battute e nelle caricature stilizzate di personaggi (il Poeta; i contadini; il Duca; il Capitano) al limite di un cinismo iconoclasta, commentatori assurdi, apatici e partecipanti, ebeti e saggi nello stesso tempo, di una realtà fissile e senza uscite.
Marco Cavicchioli, con una produzione 'Il Carro e la Maschera', dirige lo spettacolo e interpreta il ruolo del Poeta. Cavicchioli adatta il testo originale e ne riduce i riferimenti specifici alla situazione polacca e invece conserva intatte le indicazioni dell'autore per la messa in scena. Si tratta di un testo denso di un'atmosfera allucinata e quasi fantascientifica.

D. Gli chiediamo quali le ragioni della scelta del testo di Mrozek, e soprattutto la scelta di un testo, in un testo, in un periodo dove le nuove compagnie non amano molto lavorare sul teatro di parola…
R. Ho scelto il testo di Mrozek perché semplicemente fra tutti quelli letti mi è piaciuto di più. Noi come compagnia non abbiamo mai fatto teatro di parola, nel senso che questo è il primo allestimento dove un testo viene pressoché rispettato integralmente. Il teatro di parola per noi è un momento di verifica. Saggiamo vari generi e non vedevamo il perché non sottometterci ad un testo, specie quando si tratta, come in questo caso, di un testo della drammaturgia contemporanea, che vale la pena di mettere in scena perché non viene letto da nessuno.
D. Con una messa in scena molto tradizionale il tuo teatro pare non contemplare linee molto trasgressive…
R. Innovazioni ci sono. Per esempio non uso alcun effetto luminoso, la luce è semplicemente funzionale, fissa, ed ha solo dei crescendo di intensità. Ha disturbato molto il fatto che la scenografia fosse gialla e bianca e non concedesse riposo allo sguardo con atmosfere particolari. Nella recitazione poi ho privilegiato ritmi e gesti molto lontani dal teatro tradizionale. Ho privilegiato il quotidiano teatrale cioè le parti del quotidiano che risaltano al punto da essere già un fatto teatrale.
D. Nella scenografia si predilige il colore mentre le linee annunciano un design contemporaneo.
R. Sì è vero. Anche per i costumi e le acconciature ho privilegiato un look molto contemporaneo. I costumi sono di Loretta Mugnai che lavora anche per i Magazzini Criminali. Li ho amati molto perché pur essendo teatrali risentono di una certa quotidianità.
D. Sembri privilegiare un metodo di recitazione introspettivo…
R. Si Strasberg e Stanislavskij ma filtrati attraverso la mia esperienza.
D. I vostri manifesti e le locandine sono firmate da Andrea Pazienza…
R. Sì, abbiamo uno stretto legame di amicizia, ci tengo molto a lavorare con lui, anche perché è un fan di tutti i nostri spettacoli.

Scheda tecnica

Gli attori sono: Maria Cristina Bertolozzo, Alessandro Zama, Marco Cavicchioli, Luigi Monfredini, Maurizio Cardillo, Mario Giorni, Wladimiro Amadeo.
Scene: Gabriele Cavicchioli.
Costumi: Loretta Mugnai.
Adattamento e regia: Marco Cavicchioli.

Enzo Terzano